Il Mates Festival, una tre giorni di musica, intrattenimento e informazione

WhatsApp Image 2017-06-02 at 14.36.19

I Festival sono per eccellenza luoghi di aggregazione. Un Festival che si chiama “Mates”, letteralmente dall’inglese “amici”, “compagni”, non può che esserlo ancora di più. Tra il 1 e il 3 giugno all’Ippodromo di Agnano è stato organizzato un ritrovo di amici: un ritrovo tra stelle però, come si evince anche dal tenore delle partnership, come quella con Il Mattino, McDonald, Mondo Convenienza, RTL 102.5 e LUISS. Non potevano mancare quindi anche gli inviati made in RadioLUISS. Una tre giorni di musica, intrattenimento e informazione, come da classica scaletta radiofonica.

Tante le iniziative e gli stand presenti, che hanno attirato moltissimi giovani si potevano vedere i panel più disparati, da quelli presentati i primi due giorni nell’area workshop, alla zona fitness, dove durante la giornata era possibile allenarsi con i ragazzi delle palestre Imperial.WhatsApp Image 2017-06-02 at 14.29.51

Tra tutti, lo stand targato RadioLUISS: il primo giorno, dopo un interessante talk sul cyberbullismo, si è fermato a fare quattro chiacchiere con noi Salvatore Esposito, noto attore della serie tv Gomorra. “Non volevo diventare un Boss” è il primo libro di Esposito, che uscirà in questi giorni per Rizzoli. L’attore l’ha presentato ai microfoni di RL, raccontandoci di come Napoli e la sua storia abbiano condizionato tutto il suo lavoro artistico.

Mentre sullo stage 2 i Mates, gli youtuber “più popolari” d’Italia, attiravano una folla di giovanissimi, al Main stage iniziava a sciorinarsi una line-up di tutto rispetto per il giorno 1 del Festival: se in questo momento la trap va per la maggiore, la scelta di fare cantare Izi e poi Sfera Ebbasta, prodotto da Charlie Charles, ha colpito nel segno. Ma non è finita qua: cosa sarebbe un festival senza DJ-set? TY1 e Amed Key hanno aperto la strada a Daddy’s Groove (a casa sua, napoletano tra i napoletani) e poi al primo grande ospite internazionale del Mates: Bob Sinclar. Il DJ e produttore francese ha fatto ballare tutto l’Ippodromo sulle note delle sue hit.

WhatsApp Image 2017-06-02 at 18.08.48Dopo aver vissuto dal palco un’esperienza del genere, il 2 giugno mantiene alte le aspettative dei nostri inviati e si presenta come la punta di diamante della triade firmata Mates: con il workshop “L’evoluzione dell’industria musicale nell’era digitale” si apre una giornata sotto l’egida della musa Musica. A intervenire la marketing manager di Spreaker (piattaforma online per lo streaming dei podcast), i docenti del SAE Institute (uno dei più grandi Creative Media college al mondo), parte del direttivo di Radio Punto Zero (radio locale che da poco ha vissuto il passaggio generazionale delle consegne nonché una svolta decisamente al femminile), il caporedattore di RTL 102.5 Fulvio Giuliani, il prof. Lello Savonardo della Federico II di Napoli e, ultimo ma non ultimo, Marco Antonio Musella, chitarrista dei Thegiornalisti, che dopo il panel si è fermato allo stand RadioLUISS per parlare della storia della sua band e anche del loro prossimo futuro (all’ombra di un disco di platino).

Alle 17.30 però l’apparizione di Marco Belinelli ha decisamente “alzato” il tenore del pomeriggio: con i suoi 1.96 m ci ha presentato “Pokerface”, il libro scritto da lui per Baldini & Castoldi, che racconta la storia (non solo sportiva) del primo italiano ad aver vinto il titolo NBA. Ma ancora non siamo arrivati alla punta dell’iceberg: scende la notte e la musica, di nuovo, la fa da sovrana. Dopo le esibizioni di Promise Land, Mindshake, Anfisa Letyago, Tony Touch e RSP Sound System, la Svezia cambia le sorti della serata. Axwell ^ Ingrosso sono le star di questo Festival: con oltre 6000 biglietti venduti al pomeriggio dello show, il DJ-set conquista davvero tutti e infatti anche nel backstage è delirio tra le hit del momento e dei remix inediti.

WhatsApp Image 2017-06-02 at 17.28.09“Se una cosa non ha fine, non ha senso”, dice una canzone: e quindi eccoci al terzo ed ultimo giorno di Festival, sabato 3 giugno. Niente workshop, ma tanto intrattenimento: le incursioni del due comico televisivo Pio e Amedeo accompagnano il Mates fino al calare della notte. Le esibizioni continuano con Claudia Megrè live e con il DJ-set dei salentini del Samsara. I grandi nomi dell’ultima sera sono Kryder + Tom Staar e gli acclamatissimi THE KOLORS, che riempiono di nuovo l’Ippodromo di Agnano di giovanissimi.

Tirare le somme di un evento che ha coinvolto così tanti ragazzi e ha toccato una grande varietà di temi non è mai facile: al suo terzo anno il Mates ha cambiato volto, prendendo le sembianze di un grande Festival europeo. I numeri ci sono, incrociamo le dita per i nostri nuovi amici del Sud.

 

Elena De Santis, speaker de Le indie-geste

elena de santis