Squid Game: tutto fa tendenza

Qual è correlazione tra la serie più virale al momento su Netflix e una casa produttrice di scarpe?


Come risulta dalle notizie delle ultime settimane, Squid Game ha raggiunto un successo clamoroso a livello globale, tanto da influenzare gli spettatori e introdurre nuove tendenze di moda.
Squid Game è una nuova serie coreana che ha avuto il suo esordio sulla piattaforma Netflix a partire dal 17 settembre e da allora è al primo posto in classifica tra le prime 10 serie TV proposte.
Ha grandi possibilità di diventare il più grande show di sempre”, ha affermato Ted Sarandos (CEO di Netflix). E così è stato. Un successo sudato e meritato, se consideriamo che la serie è stata scritta più di 10 anni fa e prima di approdare su Netflix ha ricevuto numerosi rifiuti. Complimenti anche da Jeff Bezos.
Un’allegoria anticapitalista, un gioco per bambini che viene però tramutato in un gioco fatale, il quale ha lo scopo di intrattenere uomini d’affari e l’obiettivo di vincere un montepremi di 33 milioni di euro senza perdere la vita.
Dopo il debutto dell’intrigante serie televisiva, si è notato uno straordinario picco nelle vendite delle Vans slip-on bianche, che hanno registrato un incremento del 7800% e un aumento delle ricerche pari al 97%.

I partecipanti al gioco, infatti, oltre ad indossare una tuta verde, calzano queste comode e iconiche scarpe bianche firmate Vans, che hanno incuriosito i telespettatori e spinto loro ad acquistarle.
Alcuni esperti di marketing hanno ipotizzato che questo fenomeno possa essere collegato in qualche modo all’imminente festa di Halloween, per la quale è già in atto la corsa alla maschera perfetta. Saranno in molti infatti, quelli che quest’anno vorranno prendere le vesti dei famosi personaggi di Squid Game, così com’è avvenuto per le tute rosse de La Casa di Carta.
Infine anche l’ambientazione caratterizzante e distorta della serie, insieme alle maschere utilizzate per nascondere il volto, alimenta certamente il trend sempre più influente della moda survivor, sicuramente influenzata anche dalla pandemia e dall’incertezza ambientale.

A cura di Chiara Belfiore